Il cielo astronomico di Febbraio

Il cielo astronomico di Febbraio

Durante il mese di Febbraio, nel cielo ritroviamo le splendide costellazioni invernali che abbiamo imparato a conoscere nel mese di Gennaio.
Possiamo ammirare quindi Orione, individuabile facilmente dalle tre stelle della cintura, e gettare uno sguardo alla bellissima Nebulosa omonima, poi il Cane Maggiore e la sua stella Sirio,  il Cane Minore e la sua stella Procione,  la magnifica Cassiopea dalla forma a W e Perseo.

Dominano il cielo di Febbraio le costellazioni di Orsa Maggiore e Leone. L’Orsa Maggiore o Grande Carro è sicuramente l’asterismo più conosciuto agli osservatori del Cielo Boreale.
Con un binocolo potete ammirare le bellissime Mizar e Alcor, coppia di stelle al centro del timone del Carro, ma, nel caso in cui abbiate una vista acuta, potete già riconoscerle a occhio nudo, visto che esse sono separate di dodici minuti d’arco. La stessa Mizar stessa è in realtà una stella doppia. Nel 1869 l’astronomo inglese Richard Anthony Proctor scoprì che le stelle circumpolari del Grande Carro sono in realtà parte di un ammasso stellare, uno tra i più vicini alla Terra, poi denominato Ursa Major Moving Group.

La costellazione del Leone è individuabile facilmente grazie alla forma a punto interrogativo rovesciato, che indica testa e petto dell’animale, e al triangolo di stelle che ne costituisce la parte posteriore. La stella più luminosa del Leone è Regolo, proprio alla base del punto interrogativo. Regolo è una stella bianco-azzurra, che in realtà è la primaria di un sistema stellare multiplo.

Altre costellazioni facilmente individuabili sono il Toro, dove risplende la luminosa Aldebaran, l’Auriga con Capella, i Gemelli con Castore e Polluce, l’Orsa Minore con la sua Stella Polare, la Vergine.

Fonte: scientificast.it

Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.